Diario di Suellen

Suellen - Volontaria del Sorriso

Quella del 22 maggio è stata per me la seconda domenica al Palidoro e come la prima è stata intensa di emozione e ancora (per me), di insicurezza. Ritrovarsi Clown è un po dare un colpo all'anima che fino a quel momento si trova intrappolata nella compostezza di un corpo che ogni giorno fa i conti con una società che lo vuole in certo modo. Poi ci ritroviamo li nel salottino a cambiarci ed ecco che la società scompare dalla mente, metto il naso rosso, i miei ciaffetti vari (fiocchetti, accessori ecc..) adosso... guardo gli altri colleghi ed ecco stravolta l'abitudine! ...Non è facile vedere stravolta l'abitudine! Soprattutto lì, in un contesto come l'ospedale. Al mio primo intervento mi sono sentita per un attimo stupida nei panni di un Clown, pensando a cosa ci facessi li conciata in quel modo, poi ho ripensato a quanto l'idea di un naso rosso mi ha aiutata nella vita, da quando vi ho conosciuto e a quanta forza mi ha dato questa figura nell'affrontare situazioni che a me facevano paura. Cosi ho pensato: "se un giorno il Clown ha aiutato me perchè ora il mio Clown non può aiutare qualcun'altro!?!" e guardando gli altri, dopo un profondo sospiro sono scesa a conoscere questa nuova esperienza.

Solo di fronte a quella realtà ho sentito pienamente la mia anima, trovarsi clown per me è stato trovarmi nell'anima e sentirla negli occhi, il corpo ha perso la sua importanza e l'ho percepito come il mezzo che porta il colore e un immagine dolce, simpatica e cara soprattutto ai bambini. Lì ho compreso davvero l'importanza di uno sguardo e quanto è difficile guardare e guardarsi profondamente. Prima di andare ero un pò preoccupata sul cosa fare e come, ma una volta li tutto è stato diverso, mi sono venute in mente solo perle sparse qua e la spiegate durante il corso, ma per il resto tutto era da vivere in quel presente. Non è stato e credo che non mi sarà ancora facile riuscire a trovare le forze che sento nascoste in me per tirare fuori il mio Clown ma credo in lui e credo in voi che avete tutti negli occhi la stessa scintilla e credo profondamente nell'amore, un amore che si sente davvero forte negli occhi, nella complicità e nel gruppo che a quanto pare ogni volta cambia ma porta nel cuore lo stesso obbiettivo: Amore incondizionato.

Un carissimo bacio a tutti voi!!!

...alla faccia delle due parole! ahahhah!

Suellen

Sei qui: Home Chi siamo I nostri operatori Diari di viaggio Diario di Suellen